20 giugno 2015

Spaghetti cremosi al ragu' di pesce spada, mandorle zucchine e capperi


Un piatto dai sapori complessi ma equilibrati, decisi ma anche delicati....
Una nota sicula data dalle mandorle tritate e dagli immancabili capperi.
Un tocco cremoso dato dallo spolvero di farina che produrra' una sorta di leggerissima besciamella aromatizzata al pesce.
Degno di una serata importante anche se non e' particolarmente elaborato.
Assolutamente da provare!
Le dosi sono per due persone.


Ingredienti:
1 spicchio d'aglio
1 fettina di pesce spada, spessa 5-6 mm 
Una cucchiaiata di capperi
Un cucchiaio raso di farina
Mezzo bicchiere di vino bianco secco
Una decina di pomodorini (facoltativi)
8-9 mandorle
Qualche fogliolina di aromi del terrazzo (prezzemolo, erba cipollina, basilico)
1 zucchina
Qualche oliva snocciolata, magari taggiasca
Olio EVO
Sale
Facoltativo: peperoncino fresco.

Preparazione:
Mettiamo a bollire l'acqua per la pasta.
Cuociamo l'aglio con il metodo della "spaghettata all'aglio olio e peperoncino senza ritorno", se non vogliamo avere alcun problema digestivo o se ci dovesse essere qualche commensale che non ama il sapore dell'aglio.
Riduciamolo in crema e mettiamolo in una ampia padella con un filo di olio.
Tagliamo la zucchina in fettine piuttosto sottili dando la forma "a rombo" e aggiungiamoli in padella, a fuoco medio. Uniamo anche i pomodorini tagliati a meta' ( se dediciamo di usarli), le olive e i capperi
Dopo circa 3-4 minuti aggiungiamo il pesce spada tagliato a cubetti, piu' regolari possibili.
Spolveriamo con la farina, alziamo il fuoco e dopo un paio di rigirate uniamo il vino.
Si formera' una bellissima cremina, che cercheremo di distribuire sul resto degli ingredienti, abbassando il fuoco.

Appena il tutto sembra al dente ( assaggiando, se e' il caso), spegniamo in attesa della pasta.
Nel frattempo tritiamo le mandorle e le erbette e aggiungiamo il tutto al resto del condimento, nella padella.

Una volta che la pasta sara' al dente, la scoliamo tenendola umida e la metteremo nella padella, alzando il fuoco al massimo.
Se servisse ( e in genere serve ), uniamo qualche cucchiaiata di acqua della pasta.
Un filo d'olio a crudo sul piatto 
e portiamo a tavola!

Condividete le vostre esperienze, domande e suggerimenti per migliorare la ricetta, lasciando un commento qui sotto! 
Mandatemi le foto su: forchettaecucchiaino@ gmail.com
Grazie