05 luglio 2015

Panpizza e ciabatta senza impasto di Vivalafocaccia

 
La ricetta per questo fantastico pane e panpizza e' presa dal blog di Vittorio - Vivalafocaccia - ecco il link: 
ricetta del pane senza impasto di Viva la Focaccia
Vivalafocaccia: un blog, una garanzia.

La pasta e' del tipo che non si impasta, molto idratata e con pochissimo lievito e Vittorio l'ha proposta nella versione ciabatta. 
Io ho provato piu' volte quella ricetta e ho apportato qualche piccola modifica: questa e' la versione semi integrale, con meno olio e piu' acqua per renderlo piu' leggero, con ancora meno lievito e con una serie di pieghe per rendere le ciabatte piu' alte, e devo dire che quest'ultima versione e' davvero favolosa.
......un pane che non si impasta? Chissa' che roba viene fuori, dira' qualcuno.....
E invece e' un pane delizioso, soffice e alveolato dentro e con una fantastica crosticina fuori.
Digeribile, croccante e soffice allo stesso tempo.
Si mescolano gli ingredienti, si lascia riposare tutta la notte e al mattino si inforna.
Spettacolo! ( come dice sempre Vittorio).
Veramente da provare.


Ingredienti: per 4 ciabatte o panpizza
400 gr di farina (di cui 100 gr manitoba, 280 gr di 00 e 15 di crusca)
380 gr di acqua
1 gr di lievito di birra e 1/3 di cucchiaino scarso di lievito madre disidratato
1 cucchiaino di malto
6 gr di sale
35 gr di olio EVO PIU' quello per condire il panpizza
Qualche pomodorino per il panpizza
Origano
Sale grosso da macinare

Preparazione:
Mescoliamo acqua e lievito di birra finche' questo si sia sciolto.
Aggiungiamo il malto e l'olio.
Mettiamo tutta la farina e il lievito madre in un recipiente con coperchio ermetico, quindi aggiungiamo i liquidi e mescoliamo brevemente.
Aggiungiamo il sale e mescoliamo ancora (in tutto 2 o 3 minuti).Chiudiamo con il coperchio e lasciamo fuori frigo per circa 12 ore. Alla fine la pasta sara' raddoppiata e si presentera' cosi':
Trascorso il tempo di lievitazione, prendiamo la spianatoia e spolveriamola per bene di farina.

Piegatura:
Ungiamo una spatola e usiamola per togliere la pasta dal recipiente, quindi versiamola sulla spianatoia cercando di ripiegarla su se stessa.
Diamogli una seconda ripiegata nell'altro verso aiutandoci con la spatola e spolveriamo l'impasto di farina.
Lasciamo riposare una mezz'ora a campana o sotto un telo, quindi diamo un secondo giro di pieghe e ripetiamo la stessa cosa dopo altri 30 minuti (queste operazioni servono a dare nervo alla pasta, che altrimenti resta piu' bassa e meno gonfia in cottura).
Lasciamo riposare un'altra mezz'ora e nel frattempo accendiamo il formo a 250 gradi. 

Formatura:
Dobbiamo ricavare 4 pezzi di pasta, per cui facciamo 4 leggere incisioni sull'impasto, nel lato lungo, per avere all'incirca la stessa quantita' di pasta per ogni ciabatta e per ricordarci dove tagliare.
Spolveriamo un bel po' di farina 00 sul tagliere e tagliamo il primo pezzo di pasta, sistemandolo velocemente sulla farina. (N.B. questa operazione va fatta in fretta perche' la pasta e' molto morbida e rischiamo di allungarla troppo).
Avviciniamo la teglia dove andremo a cuocere il nostro pane alla spianatoia.

Per le ciabatteRovesciamo il pezzo su se stesso in modo da infarinarsi su entrambi i lati, quindi prendiamo la pasta con le due mani dai lati corti del pezzo di pasta e allunghiamolo leggermente, mentre lo sistemiamo velocemente sulla teglia.

Per il pan pizza: rovesciamo il pezzo sulla farina e rigiriamolo, quindi sistemiamolo sulla spianatoia tirandolo un poco. Prendiamo  2 o 3 pomodorini, tagliamoli a meta' e appoggiamoli sull'impasto.
Una volta deciso dove metterli, affondiamo bene i pomodori nella pasta.
Aggiungiamo un filo d'olio, una spolverata di origano o rosmarino e una macinata di sale grosso.
Facciamo cuocere a forno ventilato per circa 20 minuti, finche' il pane sara' ben dorato.
La modalita' ventilata serve per fare una bella crosticina croccante, se la preferiamo piu' morbida e piu' sottile useremo la modalita' statica.
Come sarà' l'interno di questo fantastico pane?
Eccolo........... Un vero spettacolo!
Grazie, Vittorio!

Condividete le vostre esperienze, domande e suggerimenti per migliorare la ricetta, lasciando un commento qui sotto! 
Mandatemi le foto su: forchettaecucchiaino@ gmail.com.

Grazie!