29 dicembre 2014

Yorkshire Pudding di Jamie Oliver

Questa e' una fantastica ricetta di Jamie Oliver, un bravo e simpatico chef inglese che tutti - o quasi - abbiamo visto almeno una volta su Gambero Rosso.
Le sue sono ricette easy, allegre, spesso piccanti o con erbe aromatiche, mai banali.
Questa e' uno squisito quanto simpatico contenitore di altri cibi, che possono essere i piu disparati: spinaci e panna, cotto e formaggio, stracchino e speck, bietoline e ricotta.... Insomma, come una crepe ma cresciuta in verticale. 
Sono croccanti fuori e morbidi dentro, una via di mezzo tra una crepe e una frittata spumosa... insomma, sono deliziosi, con una preparazione particolare ma semplice e veloce, originali e allegri a portare in tavola.
In questo caso sono salati, li voglio provare anche in versione dolce....a breve postero' il risultato.
Provateli e fatemi sapere se anche a voi sono piaciuti cosi' tanto!

Ingredienti per circa 6-8 yorkshire pudding:
1 uovo intero
42 gr di farina 00 ( o amido di mais nella versione gluten free)
95 gr di latte
1 pizzico di sale 
Olio di semi di arachide

Serviranno inoltre: Attrezzatura
Stampini da muffin o da tortini, in alluminio

Preparazione:
Accendiamo il forno al massimo ( almeno 230 gradi), collochiamo 6-8 stampini da budino piccoli in una teglia piuttosto capiente e in ogni stampino mettiamo 2 cucchiai di olio vegetale.
Inseriamo la teglia nel forno freddo e aspettiamo che scaldi per bene.
Mettiamo tutti gli ingredienti nel boccale del minimer ad immersione, oppure del frullatore. In mancanza andra' bene anche un frullino elettrico.
Frulliamo finche' e' tutto omogeneo. 
Sistemiamo la pastella in un boccale con beccuccio (per facilitare l'operazione successiva) e lasciamo in frigo almeno 1 oretta, ma anche piu'.
Quando iniziamo a sentire qualche leggero sfrigolio o vediamo che l'olio inizia a fumare, estraiamo la teglia e versiamo velocemente un po' di pastella in ciascuno stampino: attenzione perche' ognuno deve essere riempito per meno della meta', in cottura - vedrete- si gonfieranno tantissimo.
Facciamo cuocere a 160 gradi per un quarto d'ora, poi altri 5-8 abbassando la temperatura.
Come per tutti i lievitati, vale la regola di aprire il forno dopo che il tutto si e' gia' gonfiato, in questo caso aspettiamo almeno 15 minuti.
Dovrebbero venir fuori dei piccoli budini cavi, in quanto durante la cottura si dovrebbe formare un incavo centrale che poi servira' a contenere il "ripieno".
A casa li adoriamo anche semplicemente cosi', vuoti, appena usciti dal forno oppure scaldati.
Qui sono con fontina e pancetta rosolata.
qui con spinaci saltati con ricotta.

Condividete le vostre esperienze, domande e suggerimenti per migliorare la ricetta, lasciando un commento qui sotto! 
Mandatemi le foto su: forchettaecucchiaino@ gmail.com.


Grazie!